Presentazione - CL in Consulente del Lavoro

Durata:  3 anni
Classe:  
L-14 - Servizi delle scienze giuridiche
Sede:
  
Palazzo del Bo' a Padova
Presidente del corso di studi:  
prof. Mario Pomini (mario.pomini@unipd.it)
Dipartimento di riferimento:
  Dipartimento di Diritto Privato e Critica del Diritto (DPCD)

Requisiti d’ingresso
Gli studenti che intendono iscriversi al Corso devono essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all'estero, riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente.

Modalità di accesso
Gli studenti dovranno sostenere una prova scritta indirizzata a accertare e valutare il grado di cultura generale, la predisposizione all'uso della logica, nonché la sensibilità per i problemi sociali ed economici.
In caso di non superamento della prova di ammissione verranno attribuiti dei debiti formativi obbligatori (OFA). 

Obiettivi formativi specifici e descrizione del percorso formativo
I laureati avranno acquisito una buona preparazione giuridica di base, nonché un'accentuata specializzazione in tutte la materie che, da varie angolazioni, si occupano dei rapporti di lavoro nei loro molteplici aspetti.
I laureati saranno così in grado di svolgere in modo adeguato attività professionale di consulente del lavoro, soddisfacendo una domanda sempre più elevata di conoscenze e professionalità per la gestione delle risorse umane nelle imprese, nonché per l'assolvimento di importanti compiti direttamente assegnati dal legislatore ai consulenti del lavoro in materia di gestione del rapporto di lavoro.

Ambiti occupazionali
I laureati potranno lavorare presso le imprese, gli studi di consulenza, le associazioni di categoria e i sindacati, come dipendenti o liberi professionisti; si occuperanno della gestione del personale, delle relazioni contrattuali di produzione e distribuzione, delle relazioni sindacali, delle problematiche e degli adempimenti legati al rapporto di lavoro.
Per potersi iscrivere all'albo professionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro è necessario superare l'esame di abilitazione, dopo 18 mesi di tirocinio presso un professionista.
I dati del Consorzio Almalaurea, dimostrano che, a un anno dal conseguimento della laurea, il 70% dei laureati a questo Corso ha trovato occupazione o svolge un tirocionio professionale.

Accesso ai corsi di laurea magistrale
Oltre allla possibilità di un prosieguo degli studi nel CLM in Giurisprudenza (GI0270 - sede di Padova), così come da "riconoscimenti cfu tabellizzati", questa laurea [NOVITA'] consente l'accesso al 4° anno del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (GI2373- sede di Treviso) o, con una opportuna scelta dei due esami "a scelta dello studente", al Corso di Laurea Magistrale in Economia e Diritto (LM-77) attivato dalla Scuola di Economia e Scienze Politiche.
Per quest'ultima i requisiti curriculari richiesti per l'a.a. 2019/2020 sono:
10 cfu nel ssd SECS-P/07;
10 cfu nei ssd SECS-P/08; SECS-P/09; SECS-P/10; SECS-P/11;
  8 cfu nei ssd SECS-P/01; SECS-P/02; SECS-P/03;
  6 cfu nei ssd SECS-P/05; SECS-S/01; SECS-S/03; SECS-S/06;
16 cfu nei ssd IUS/01; IUS/04; IUS/12.
Tutti i requisiti di ammissione sono consultabili nel Regolamento didattico del corso di studio presente all'indirizzo: https://didattica.unipd.it/didattica/allegati/regolamento/regolamento/1008146.pdf

Altre informazioni
- è possibile iscriversi a singoli insegnamenti;
- è data allo studente lavoratore la possibilità di iscriversi “a tempo parziale”;