Insegnamento nella Scuola Secondaria Superiore

Insegnamento delle "Scienze giuridico-economiche" nella scuola secondaria superiore con la Laurea Magistrale in Giurisprudenza – Classe di Concorso A-46

Dalla pubblicazione nel febbraio del 2016 del D.P.R. 19/2016 che ha riformato l’accesso all’insegnamento nella scuola italiana, la semplice Laurea Magistrale in Giurisprudenza non è più un requisito sufficiente per poter accedere all’insegnamento delle Scienze giuridico-economiche nella scuola secondaria superiore (Classe di concorso A-46), unico ambito consentito con questo titolo di studio.

Oltre alla laurea, è necessario aver inserito nel proprio piano di studi un certo numero di crediti in ben determinati settori scientifico disciplinari (che possono differire dalla denominazione dei corsi).
Poiché l’insegnamento del diritto nella scuola italiana è abbinato a quello dell’economia politica, sono previsti dei crediti specifici nelle discipline economiche, aziendali e statistiche.
Inoltre, sempre il decreto ha previsto anche il conseguimento di ulteriori 24 crediti in ambito psicologico e pedagogico, da collocarsi al di fuori del piano di studi per acquisire competenze docimologiche.

I crediti disciplinari obbligatori definiti dal D.P.R. 19/2016 sono:

A) i crediti di ambito giuridico
- 12 crediti IUS/01 - Diritto privato;
- 12 crediti IUS/04 - Diritto commerciale;
- 12 crediti IUS/09 - Diritto pubblico;
- 12 crediti IUS/10 - Diritto amministrativo;

B) i crediti di ambito economico, aziendale e statistico
- 12 crediti SECS-P/01 - Economia politica;
- 12 crediti SECS-P/02 - Politica economica;
- 12 crediti SECS-P/07 - Economia aziendale;
- 12 crediti S/03          - Statistica economica

Quindi, in primo luogo lo studente o il laureato che intenda proporsi per l’insegnamento (anche per delle sostituzioni) deve verificare la presenza nel suo piano di studi di questi crediti nei citati settori disciplinari, indipendente dalla denominazione dei corsi. La Scuola di Giurisprudenza per rispondere al dettato legislativo ha attivato o consolidato dal 2018/2019 i seguenti corsi:
-     Didattica della politica economica per le Discipline Giuridiche ed Economiche – settore scientifico disciplinare, SECS-P/02 –12 crediti;
-     Economia aziendale, SECS - P07 - 6 crediti;
-     Pianificazione aziendale, SECS - P07 - 6 crediti;
-    Statistica economica, S03 (dall’anno accademico 2020-2021) - 6 crediti;
-     Laboratorio di statistica economica, S03 - 6 crediti - da definire.

Per quanto riguarda l’assolvimento dei 24 crediti di carattere pedagogico e didattico la Scuola ha attivato due corsi dal 2018/19:
-     Elementi di diritto pubblico e metodologia della didattica giuridica - IUS 20 - 6 crediti;
-    Teoria, tecnica e didattica dell'interpretazione giudiziale - IUS 20 - 6 crediti.

Importante: questi due corsi possono essere aggiunti in soprannumero al piano di studi ordinario.

Gli altri 12 crediti mancanti possono essere acquisiti come corsi singoli da parte dei laureati, oppure come corsi al di fuori del piano di studi per gli studenti in corso, da scegliere nella lista apposita consultabile al link https://www.didattica.unipd.it/cfu24nell’ambito delle materie psicologiche e didattiche.

Per ogni informazione in merito contattare al telefono (049-8274049) o via mail il prof. Mario Pomini, mario.pomini@unipd.it, membro della Commissione SAFI (Commissione per il Supporto di Ateneo per la Formazione degli Insegnanti) per la Scuola di Giurisprudenza.